“Non sapevo che la tavola appartenesse a lei,” rispose Alice, “è apparecchiata per più di tre.”
Lewis Carrol, Alice nel Paese delle Meraviglie

Le delizie della tavola hanno ispirato nel corso dei secoli i gioielli più preziosi e i bijoux più fashion.
Le forme e i colori di prodotti commestibili hanno contribuito a tracciare una storia allegra, divertente e ironica del gioiello.
Grazie all’arte orafa il cibo, svincolato dalla sua funzione nutritiva, si è trasformato in forma puramente estetica, un oggetto ricco di contenuto simbolico e immediatamente riconoscibile.
Diventando il punto di incontro tra la progettualità del food design e la fantasia del gioielliere, metallo, pietre e smalti danno vita ai gioielli a forma di cibo in un caleidoscopio di colori, di luce e di brillantezza.
La mostra GIOIELLI DI GUSTO, in un mix di gioiello vero, bijou e accessorio moda, vuole presentare una serie di oggetti affascinanti che propongono una riflessione, a volte seria, a volte surreale, a volte fantastica del rapporto tra cibo e ornamento.
Attraverso esemplari storici e lavori contemporanei di gioiellieri e designer italiani e internazionali, l’evento illustra come piatti e alimenti siano da sempre veicoli di creatività e sottolineano la valenza estetica e culturale del cibo.
Percorrendo la storia, si giunge infatti al gioiello contemporaneo inteso non solo come accessorio e ornamento ma come oggetto di design nato dalla sperimentazione, da una ricerca di nuovi materiali e nuove forme che diventa emblema di pura creatività.
E se ogni oggetto, di per sé, è una piccola meraviglia di manifattura e di creatività, l’allestimento ideato da Alejandro Ruiz per la mostra racconta le visioni che nascono in un mondo silenzioso ed enigmatico come quello rappresentato da una tavola allestita per un qualche convivio ma abbandonata, sulla quale sono ‘distrattamente’ collocati i gioielli.
In un gioco gioco di presenza-assenza, di ordine-disordine, di colore e non colore emerge la sorpresa perché gli utensili e degli oggetti da mise en place hanno forme reali, ma sono in realtà origami.
È la carta, infatti, l’elemento materico scelto da Ruiz per definire il registro di questo progetto che prende spunto da un vissuto quotidiano per raggiungere la dimensione della fantasia e dell’incanto.

IL GUSTO DEI GIOIELLI
la-carta
La sezione dedicata ai gioielli veri e dell’alta gioielleria propone la creatività dei grandi gioiellieri declinata al tema del cibo.
IL GUSTO DELLA MODA
la-carta
Le ispirazioni gastronomiche non mancano nella moda che spesso ricorre a frutti, gelati, dolci, bacche, pasta e persino uova per dare forma ai bijoux più divertenti.
Moschino, Ferré, Versace, Missoni, sono tra coloro che si sono rifatti al tema ‘cibo’ per realizzare le loro creazioni.
IL GUSTO CONTEMPORARY
la-carta
La sezione presenta una collezione dei pezzi unici o realizzati in piccolissime serie, inerenti al tema, tra i più interessanti del panorama italiano ed internazionale, frutto di un’accurata ricerca sulle forme e sui materiali.
IL GUSTO VINTAGE
la-carta
Questa sezione vintage ospiterà una serie di bijoux a partire dalla prima metà dell’Ottocento fino agli anni Novanta del Novecento con pezzi di Trifari, Boucher, Rosenstein e Sharra Pagano per giungere alle collezioni storiche di Fendi, Ferré, Krizia e Lagerfeld.
  • GIOIELLI DI GUSTO – COPYRIGHT 2015, tutti i diritti relativi a testi e immagini sono riservati.

  • Milano, Palazzo Morando|COSTUME MODA IMMAGINE, Via Sant’Andrea 6